• La Prima Fondazione Di Imprenditori Che Aiuta Giovani E Bambini In Difficoltà Tramite Il Lavoro E La Formazione

Il segreto che nessuno vuole rivelare sulla libertà - Fondazione Angelo Affinita

Il segreto che nessuno vuole rivelare sulla libertà

  • 0

Liberté, egalité, fraternité: la libertà prima di tutto. La libertà di scegliere chi essere nella vita, che lavoro fare, chi e che cosa amare di più. Libertà che vuol dire, dunque, sempre opportunità. Ogni uomo dovrebbe disporre, dalla nascita alla morte, di una vasta gamma di chances: il rischio, la riuscita, il fallimento.

In un sistema di libero mercato chiunque può, sempre, aspirare all’emancipazione, alla crescita, all’affermazione, personale, sociale, economica. Perché chi è povero non è solamente privo di mezzi materiali, ma è anche e soprattutto, per la sua condizione, privato di possibilità.

Il concetto non è nuovo. Lo troviamo già in Ludwig von Mises, economista austriaco vissuto nel secolo scorso, considerato uno dei padri del libertarismo moderno. Credo fermamente che non sarà lo Stato, non sarà il governo a risolvere il problema della povertà. Almeno: non da solo. Quello che serve è, a mio avviso, far camminare con le proprie gambe tali persone in difficoltà.

Lo sappiamo: il cosiddetto “secondo welfare” può dare una grossa mano nella lotta all’emarginazione. E per questo c’è bisogno di privati che abbiano a cuore, che sentano come un dovere, la responsabilità sociale d’impresa. Aziende, imprenditori, cioè, che facciano proprie le idee liberali, attualissime ancora oggi.

Libero mercato non significa capitalismo sfrenato: il liberismo non spreme fino al midollo le risorse con l’unico obiettivo di trarre profitti, dando vita ad un circolo vizioso; il liberalismo economico prende e restituisce, non abusa dei beni a disposizione, generando un sistema virtuoso.

La Fondazione Angelo Affinita, che si rivolge ad imprenditori e professionisti illuminati, non chiede e non fa elemosina, bensì aiuta ad avere possibilità, come nel progetto “Io da grande sarò”, o a riaverle, come nel caso di “CreAttiva”.

Con il tuo sostegno concreto, puoi rendere queste persone libere. Di avere una seconda possibilità, di camminare con le proprie gambe. Finalmente.

Giovanni Affinita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.